Questo sito contribuisce alla audience di
 Home » Tempo Libero » Cinema / Tv » Sanremo 2018: (quasi) tutto sul Festival della canzone italiana - Parte 1 di 2

Sanremo 2018: (quasi) tutto sul Festival della canzone italiana

Si è appena conclusa la conferenza stampa dal Teatro del Casinò di Sanremo, che ha ufficializzato - in parte - protagonisti e curiosità dell’edizione numero 68 del Festival

Sanremo 2018: (quasi) tutto sul Festival della canzone italiana

Il direttore artistico e capitano della squadra, Claudio Baglioni – è il primo festival per il cantante romano – arriva rilassato e sorridente. Dolcevita e doppiopetto scuri prende il posto centrale del tavolo; ai suoi fianchi, due sedie vuote. Dopo aver visto gli spot, con Fazio, Conti e Baudo che “istruiscono” il neofita Baglioni e i saluti d’ordinanza da parte delle istituzioni locali, la conferenza può avere inizio. Confermati alla conduzione anche Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino che si aggiungono al tavolo una manciata di minuti dopo. «Oggi parte ufficialmente il conto alla rovescia», dice prontamente l’Assessore di Sanremo, Marco Sarlo, e così è. Perché Sanremo è Sanremo, inutile negarlo.

 

 

La parola a Baglioni
«Sono alla seconda conferenza stampa, quindi inizio a pensare che sia vero», esordisce Baglioni che ammette di aver assunto da subito un ruolo di “dittatore”, piuttosto che “direttore”, artistico. Il suo è stato un lavoro di squadra, volto a trovare un segnale di demarcazione rispetto alle passate e fortunate, in quanto a share, edizioni. «Volevo realizzare qualcosa che fosse più simile al vero titolo del Festival, quello riferito alla “canzone italiana”», ha subito messo in chiaro sottolineando anche il copioso spazio che verrà dato ai giovani con ben 18 canzoni inedite di artisti sconosciuti, selezionati tra 650 proposte. Per i “big” già annunciati, la scelta è stata eseguita su 150 canzoni di cui “solo” 20 ammesse alla gara. La durata delle canzoni è la prima novità: arrivano a 4 minuti a vantaggio dell’espressione e l’autorevolezza della manifestazione. «Sembra uno scherzo, ma una canzone che dura 30, 40 o 50 secondi di più è come se una partita di calcio durasse due ore invece che un'ora e mezza», ha raccontato Baglioni.

 

Di , © Riproduzione Riservata

PAGINA 1 DI 2
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami