Questo sito contribuisce alla audience di
 Home » Società » Scuola / Lavoro » Ansia da maturità

Ansia da maturità

Ogni anno sono milioni gli studenti italiani che si trovano ad affrontare la maturità: un ostacolo temuto dalla maggior parte dei giovani perché si tratta del primo vero scoglio che incontrano nel loro cammino formativo. Come da tradizione, i mesi e i giorni che precedono l’esame sono caratterizzati da ansia e stress ad alti livelli. È possibile cercare di alleviare questo stato d’animo?

Ansia da maturità

Secondo gli esperti sono sempre di più i giovani che nel periodo pre-maturità trascorrono la maggior parte della giornata a studiare in modo ossessivo e senza pause, mangiando scorrettamente, passando troppo tempo davanti a libri e pc e trascurando il sonno. Molti si sforzano di escogitare il modo migliore per copiare togliendo energia allo studio e sminuendo le proprie capacità intellettive.




Come affrontare la prova al meglio

La prima cosa fondamentale è prendere consapevolezza dei propri limiti e capacità, dopodiché allenarsi con metodo e applicazione ripetendo, scrivendo e facendo schemi. Interessarsi realmente a ciò che si fa: per esempio se uno studente fa una tesina su un argomento qualunque, copiandola da internet o dalle enciclopedie non sarà mai davvero convincente durante la sua esposizione. Meglio scegliere argomenti che appassionano in modo da poter poi convincere chi ci sta di fronte.

È importante poi alleviare lo stress: ovviamente c’è un tipo di stress positivo che ci consente di trovare la forza necessaria per superare la prova e uno stress negativo, che invece impedisce di studiare e concentrarsi. È proprio questo stress che va eliminato, ma non usando o abusando di sostanze psicotrope che alterano i livelli di coscienza e il bioritmo causando un accumulo di stanchezza. Anche se all’inizio alcune sostanze sembrano facilitare l’apprendimento, in fase di rielaborazione delle materie l’effetto collaterale è un mix di confusione, stanchezza e uso puramente mnemonico e non creativo delle informazioni.

Ansia per esame di maturità

La concentrazione
Ansia e stress che si accumulano durante l’ultimo anno di scuola superiore e nei giorni che precedono la maturità possono talvolta trasformarsi in veri e propri attacchi di panico.
Chi si sottopone a tour de-force di studio, eliminando ogni forma di contatto sociale fa un errore che può causare insonnia, sbalzi d’umore, mal di testa, inappetenza o compulsione verso il cibo e irritabilità.

Quindi è importante mantenere i propri interessi e svaghi seppur in modo limitato: uscire con gli amici, dedicare qualche ora allo sport, a un hobby che ci appassiona e distrae dallo studio aiutando però nel momento dell’apprendimento a concentrarci maggiormente.

Sono inutili le giornate trascorse chiusi in casa a studiare e basta, perché il nostro cervello apprende fino ad un certo punto, poi si affatica ed è solo sforzo inutile.

Stress per esame di maturità

Durante l’esame
La cosa migliore da fare è sì concentrarsi sul compito, ma soprattutto sulla sfida che ci pone e su ciò che di interessante e creativo possiamo comunicare.

Evitiamo di preoccuparci eccessivamente di fare bella figura per avere un voto alto, e non nascondiamo i nostri limiti. Ma facciamo vedere che traiamo piacere in ciò che facciamo al di là del tipo di performance.

I migliori musicisti sono quelli che quando sbagliano una nota, si fanno perdonare immediatamente eseguendo il pezzo con passione.

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  esame maturità   ansia  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami