Questo sito contribuisce alla audience di
 Home » Società » Notizie Curiose » La pubblicità è un test (di gravidanza)

La pubblicità è un test (di gravidanza)

È successo con Ikea che ha inserito un test di gravidanza nella pagina che pubblicizza la vendita di una sua culla

La pubblicità è un test (di gravidanza)

Le vie del marketing sono infinite. Se vige la regola bene o male purché se ne parli, Ikea sa come spostare l'acchiappo pubblicitario verso lidi inesplorati, ovviamente centrando in pieno l’obiettivo. Ecco i fatti che hanno da qualche giorno rapito l’attenzione del web, ma non solo. Per promuovere la sua culla Sundvik, il colosso svedese - che nasce nel lontano 1943 con lo scopo di vendere prodotti per corrispondenza - ha lanciato una singolare campagna-stampa attraverso la rivist locale Amelia”. Con lo slogan «Peeing on this ad may change your life» (ovvero «Urinare su questa pubblicità potrebbe cambiarti la vita»), l’azienda propone alle lettrici di fare la pipì sulla stringa che appare in basso, attendere alcuni minuti e scoprire se accanto al prezzo della culla in questione non ne compare, come per incanto, un altro, in rosso, scontato del 50 per cento. Nel caso in cui dovesse verificarsi questa “magia”, significherebbe che la fortunata è in dolce attesa.

 

Ancora niente reazioni

Se il web si è mosso con il solito tam tam, ancora non si conoscono le reali reazioni delle lettrici della rivista svedese. Certo, strano è strano, inutile negarlo. Bisogna vedere quanto tale "stranezza" è destinata a fare breccia nella sensibilità altrui.


Non è la prima volta

Che Ikea sforna idee originali o, quantomeno, provocatorie in quanto a marketing pubblicitario non è la prima volta. Come dimenticare la panchina per l’ex ct della nazionale italiana Gian Piero Ventura dopo l’eliminazione degli Azzurri dalle qualificazioni Mondiali proprio con la Svezia, lo scorso novembre? «Per farci perdonare la panchina a Ventura la diamo noi» recitava il cinguettiosubito diffuso dopo il deludente pareggio di San Siro che ha lasciato l'Italia a bocca asciutta.

 

 

Qualche mese prima, era aprile, è stata la volta della provocazione alla maison Balenciaga, “colpevole” di essersi ispirata per una sua nuova borsa alla mitica sacca blu Frakta del gigante scandinavo. Sessanta centesimi contro milleseicentonovantacinque euro, smitizzava lo slogan.

O, ancora, come dimenticare le pagine pronte da... cuocere, stampate con inchiostro edibile? Si trattava di speciali "tovagliette" sulle quali posizionare gli ingredienti da chiudere poi a fagotto e mettere in forno. Una campagna ideata dall’agenzia canadese Leo Burnett che, con The Ikea Easy Recipe, permetteva di  preparare ravioli, salmone e verdure  speziati e conditi in al massimo venti minuti sotto lo slogan «Roll, Cook, Enjoy!».

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami