Questo sito contribuisce alla audience di
 Home » Salute » Psicologia » Psicologia del tatuaggio: cosa rivelano di noi quei disegni sulla pelle

Psicologia del tatuaggio: cosa rivelano di noi quei disegni sulla pelle

Per trasgressione, per affermare se stessi, per imprimere un ricordo: possono essere diverse le ragioni che spingono una persona a tatuarsi un immagine sulla pelle...

Psicologia del tatuaggio: cosa rivelano di noi quei disegni sulla pelle

La pratica del tatuarsi disegni sulla pelle ha origini molto antiche che risalgono alla preistoria; nel corso dei secoli è stata mantenuta da civiltà e tribù come segno distintivo e simbolo di affermazione personale, politica o religiosa.
Ancora oggi, secondo la psicologia del tatuaggio, la motivazione principale per la quale le persone decidono di “decorare” il proprio corpo con disegni di vario tipo, è proprio il bisogno di differenziarsi e rappresentare in qualche modo il proprio io.
Si tratta di una forma di comunicazione non verbale che l'individuo usa per esprimere un vissuto interiore che non vuole dimenticare o perché vuole appartenere ad un gruppo.
Ma cosa rivelano di noi quei disegni sulla pelle? E in base a cosa è possibile fare delle interpretazioni?


Il codice dei tattoo
Chi decide di farsi un tattoo lo sa bene: difficilmente la scelta del motivo da disegnare e la zona del corpo su cui farlo è a caso. Infatti per la psicologia del tatuaggio le persone prima di “decorarsi” pensano a lungo la rappresentazione grafica da imprimere e la parte sulla quale farlo.
Chi si tatua il lato sinistro del corpo (secondo la psicoanalisi parte legata al passato) è solitamente pessimista, insicuro e crede poco in sé stesso, mentre chi si disegna il lato destro (legato al futuro) è una persona aperta, solare e desiderosa di cambiamenti.
Chi si disegna le gambe è impulsivo e infantile, le donne che disegnano la caviglia sono gelose e se ci si tatua le braccia molto probabilmente si è in un momento di maturazione; gli individui che si tatuano il petto e la schiena sono, invece, forti e decisi.
Infine le donne che disegnano la zona dei genitali solitamente sono autonome e sensuali, mentre gli uomini che scelgono questa zona sono maldestri e passivi.


Tipologia di soggetti tatuati e personalità
Anche i disegni che si decide di farsi imprimere sulla pelle rivelano molto di una persona: immagini piccole o grandi, soggetti fantastici o reali, animali o volti, frasi, ideogrammi e scarabocchi, ce n'è per tutti i gusti!
Secondo la psicologia del tatuaggio chi sceglie tattoo tribali è una persona che vuole affermare la propria unicità e differenziarsi dalla massa.
I soggetti come draghi, leoni, guerrieri, spesso più maschili, sottolineano il desiderio di forza e potere, mentre frasi, poesie e ideogrammi giapponesi denotano personalità raffinate.
Il corpo tatuato è perciò un corpo che parla; se i tatuaggi sono nascosti si vuole comunicare qualcosa a sé stessi e a pochi intimi o imprimere un ricordo, un evento, un passaggio importante della propria vita.
Quando i disegni sono ben visibili, invece, c'è il desiderio di essere “letti” da tutti, interpretati da chi ci vede e di essere guardati e ammirati.
L'importante, comunque, qualsiasi sia il significato che vogliamo dare al tatuaggio, è scegliere centri di fiducia che eseguano questi disegni in totale sicurezza.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami