Questo sito contribuisce alla audience di
 Home » Salute » Benessere » Come e perché pulire il gatto - Parte 1 di 3

Come e perché pulire il gatto

Il gatto passa molto tempo a pulirsi, in modo accurato e a lungo. A volte, però, occorre dargli una mano in questa importante operazione quotidiana

Come e perché pulire il gatto

Dormire e pulirsi: sono i due grandi passatempi del gatto. Ovviamente anche tirare agguati, correre dietro a palline e mangiare, però le prime due azioni stanno in cima ai suoi bisogni primari. Quando si lecca, “mordicchia” unghie e pelo o liscia la pelliccia è meglio lasciarlo fare indisturbato, non importa quanto tempo ci metta, lui ha tutto il tempo che vuole a disposizione! Nonostante la sua capillare cura nella detersione quotidiana (che spesso non si riduce a una sola sessione, anzi!), però, a volte può essere utile la partecipazione umana. Quando? E, poi, come regolarsi per non disturbarlo o mettergli paura? Ecco alcuni consigli.


Se hai un micio dal pelo lungo

Se il tuo gatto ha il pelo lungo (potrebbe essere di razza come un Persiano ma anche un “semplice” incrocio!) è una buona regola abituarlo fin da subito alla spazzola. Ogni giorno passagli delicatamente sul manto una spazzoletta apposita partendo dalla testa e arrivando alla coda: inizialmente può darsi che si “ribelli” un po’ ma dopo ci farà l’abitudine e non vedrà l’ora che tu gli dedichi questa bella coccola! Spazzolarlo è importantissimo: evita il formarsi di boli di pelo che, ingeriti, possono creare problemi di occlusione intestinale.


Occhi belli
A volte capita che il tuo gatto (soprattutto se ancora piccino) si svegli con gli occhietti un po’ “appiccicati”? Dopo aver chiesto al veterinario che non sia sintomo di qualche disturbo, per pulirgli gli occhi, usa dell’acqua borica (o un infuso di camomilla senza zucchero): imbibisci un dischetto di ovatta - che di norma utilizzi per toglierti il trucco – e passalo con estrema delicatezza sull’occhio. Attenzione che a Micio questo rito non va proprio giù e potrebbe con estrema agilità divincolarsi dalla presa.

Di , © Riproduzione Riservata

PAGINA 1 DI 3
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami