Questo sito contribuisce alla audience di
 Home » Salute » Benessere » Bruciore di stomaco, ecco come prevenirlo

Bruciore di stomaco, ecco come prevenirlo

Cosa fare quando si ha lo stomaco in fiamme? Ecco qualche rimedio contro colite, gastrite e reflusso.

Bruciore di stomaco, ecco come prevenirlo

Cibo consumato in modo smodato ed eccessivo, pasti ricchi di grassi, eccesso di alcool; un'insieme di errori che può pesare sullo stomaco il quale lancerà inevitabilmente dei segnali di allarme e al contempo di aiuto! Uno dei primi sintomi sarà un bruciore avvertito proprio nella zona dello stomaco, in questo caso il sintomo è passeggero e sarà sufficiente non compiere più questi errori e riposare un pochino per risolvere il problema. Se il problema persiste nel tempo allora forse è qualcosa di più serio, ma è necessario affrontare la sintomatologia e valutare seriamente il quadro che si manifesta. 

Gastrite
Si tratta di un'infiammazione di tipo cronico allo stomaco le cui cause possono essere diverse, una tra le quali il batterio Helicobacter pylori. La gastrite può avere come causa delle cattive abitudini: eccesso di cibo, fumo, certi farmaci come ad esempio il “semplice “ acido acetilsalicilico preso per periodi prolungati.

I sintomi sono: acidità, bruciori, nausea e a volte vomito; si possono presentare in modo acuto per poi evolversi in modo cronico. É possibile evitarli o ridurli introducendo cibo secco, come il pane bianco o il pane integrale o i crackers. I farmaci per curare la gastrite vanno presi solo su consiglio medico e non nella formula “fai da te”.


Ulcera
Si tratta di una complicanza della gastrite cronica, ed è una lesione del tessuto dello stomaco oppure del duodeno. Le cause possono essere diverse tra cui uso frequente e continuativo di antinfiammatori o il batterio sopra citato.

I sintomi sono: dolori forti, crampi concentrati nella parte superiore dell'addome da non confondere con i dolori tipo angina pectoris, possono poi esserci anche nausea e vomito. La cura deve assolutamente ridurre la secrezione acida dello stomaco attraverso ad esempio gli antiacidi gli inibitori della pompa protonica.


Reflusso
E' un disturbo assai diffuso più di quanto si possa pensare, legato alla risalita di acido gastrico dallo stomaco all'esofago, si manifesta con bruciore nella parte superiore del torace dietro lo sterno, rigurgiti di succhi gastrici, saliva abbondante, dolore fino alla faringe, distrurbi più frequenti durante la notte rispetto al giorno, anche per questo disturbo è necessario consultare uno specialista e seguire i consigli soprattutto dal punto di vista farmaceutico.
Spesso con il reflusso sono associati altre condizioni tra cui obesità, gravidanza. Evitare quindi i cibi molto grassi più lunghi da digerire, il cioccolato e il te, ma anche il caffè e le bevande acide come il succo di arancia.


Quali esami fare?
È fondamentale consultarsi con il proprio medico in caso di disturbi sopra citati, per ciò che concerne gli esami da fare sono normalmente consigliati la gastroscopia con biopsia.


Cosa fare in generale a tavola?
Per evitare il più possibile i fastidi allo stomaco che poi possono arrivare al dolore vero e proprio è possibile seguire dei semplici consigli come ad esempio:


Cibi permessi

  • cracker
  • pane bianco e integrale
  • formaggi freschi non fermentati
  • acqua non gassata
  • carne bianca


Cibi vietati:

Di © Riproduzione Riservata
TAG  stomaco  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami