Questo sito contribuisce alla audience di
 Home » Ricette » Cucina » Come montare la panna: i segreti per mantenerla soda

Come montare la panna: i segreti per mantenerla soda

Non serve essere dei pasticceri, basta seguire alcuni consigli per ottenere una bella "nuvola" di panna montata

Come montare la panna: i segreti per mantenerla soda

La panna montata è una delle golosità dolciarie che più ricordano un vero e proprio peccato di gola. Candida, gonfia, soffice e delicata, ma sappiamo come montare la panna perfettamente?
Non c'è un vero e proprio segreto solo alcuni accorgimenti fondamentali, bisogna in ogni caso prestare molta attenzione sia alla materia prima sia agli strumenti che si usano.
Se siete tra quelli che credono di non essere portati per la cucina basta semplicemente seguire i nostri consigli e potrete sbizzarrirvi a preparare dolci con la panna da far invidia ai migliori pasticceri.



Materia prima
Come in molte altre preparazioni la materia prima è strategica. La panna ideale da montare è quella fresca, prodotto derivato dal latte di cui ne è la parte grassa. Più la panna è di qualità e più facile ne deriva il processo di “gonfiatura” tramite una azione meccanica.
Esistono anche dei prodotti classificati come panna vegetale da montare che presuppongono però una elaborazione di grassi vegetali e l'inserimento di agenti gonfianti.
Quest'ultima non è necessariamente tanto meno calorica della precedente, unicamente se ne ottiene in volume maggiore rispetto al prodotto iniziale ed è perfetta per chi soffre di intolleranza al lattosio.
Esistono anche prodotti a media e lunga conservazione definiti "panna da montare" ma è sempre preferibile quella fresca, ha meno conservanti e un sapore migliore.


Le regole da seguire


Il prodotto
Come montare la panna? La regola principe è la bassa temperatura, ovvero la panna deve essere fredda. Mettetela in frigorifero ed estraetela quando dovete prepararla, mai lasciarla fuori dal frigo, la sua temperatura non deve superare i 4°.
Se dovete zuccherare la panna è meglio farlo prima, questo perché con l'azione del montaggio lo zucchero si amalgama perfettamente, aggiunto in seguito si deve lavorare ulteriormente la materia prima e rischiando di non riuscire a scioglierlo correttamente magari creando zone più o meno dolci.
Potete utilizzare qualsiasi tipo di zucchero a vostro gusto (a velo, di canna, semolato), la dose ideale è di un cucchiaino ogni 200gr di panna.

Gli strumenti
Come montare la panna correttamente include avere particolare attenzione per gli strumenti che si utilizzano. Ugualmente al prodotto anche il contenitore e la frusta che utilizzerete devono essere freddi, potete metterli in frigorifero così avrete la certezza.
Meglio un contenitore dai bordi alti per evitare gli schizzi e sporcare.
Frusta elettrica o a mano? È indifferente, ovviamente con quella elettrica si fa meno fatica.
Con quest'ultima la velocità non deve mai essere elevata, il modo migliore è partire con la minima ed aumentare poi di solo uno o due livelli al massimo.

Conservazione
Avete visto nei paragrafi precedenti come montare la panna ora vi diamo qualche consiglio per conservarla al meglio. La panna montata andrebbe impiegata immediatamente, per riempire i bignè dei classici profiteroles, per decorare delle torte o da servire per accompagnare della frutta o altre preparazioni. Se non potete utilizzarla subito, deve essere riposta in frigorifero e coperta per evitare contaminazioni di odori con altro presente nei ripiani vicini.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami