Questo sito contribuisce alla audience di
 Home » Ricette » Alimenti » Latte di amaranto, benefici e ricetta

Latte di amaranto, benefici e ricetta

Il latte di amaranto è una bevanda vegetale ottima per chi non vuole o non può bere il latte vaccino. Vediamo quali sono i benefici e come si realizza in casa

Latte di amaranto, benefici e ricetta

l latte di amaranto è ideale per i celiaci visto che non contiene glutine e per coloro che soffrono di intolleranza al lattosio. Ottima come bevanda nutritiva visto i suoi alti valori di calcio, ferro e non solo, può essere un buon sostituto del latte animale anche per chi ha deciso di seguire una dieta vegana, cioè priva di derivati animali.

È un prodotto benefico sotto molteplici punti di vista, consigliato soprattutto a chi desidera perdere peso o deve tenere a bada il colesterolo cattivo. Tra i vari vantaggi troviamo quello di essere alleato del sistema circolatorio.

 

Benefici del latte di amaranto
Come abbiamo visto il latte di amaranto è gluten-free non contiene colesterolo ma è  ricco di grassi buoni . Le fibre e le proteine rendono questa bevanda altamente nutriente e allo stesso tempo facile da digerire.
 

È una buona fonte di energia, sostiene perciò il corpo e la mente nei periodi particolarmente intensi. Alternandolo periodicamente al latte animale permette di ottenere sostanze diverse e allo stesso tempo benefiche.

Tra i vari vantaggi dell'amaranto e della sua bevanda, ci sono quelli di migliorare la digestione e ridurre la pressione arteriosa.

 

LEGGI ANCHE: Latte vegetale e le sue proprietà

 

 

Ricetta del latte di amaranto, come prepararlo in casa

Per realizzarlo occorrono 100 grammi dei suoi semi, un po' di sale se lo desiderate e dell'acqua.

Come prima cosa dovete mettere i semi di questo pseudo cereale in acqua per un'ora così da ammorbidirli. Il secondo passaggio prevede di mettere a bollire circa un litro e mezzo d'acqua. Quando raggiunge i 100°, aggiungete l'amaranto e il sale (facoltativo). Deve cuocere a fiamma bassa per un quarto d'ora.

Vi occorre adesso un frullatore a immersione, prima però lasciate raffreddare tutto. Una volta frullato, filtrate con una garza sterile e trasferite tutto in un contenitore di vetro. La parte solida potete riutilizzarla per delle ricette.


Il sapore del latte di amaranto all'inizio può non piacervi semplicemente perché diverso da quelli a cui siete abituati, anche tra le bevande vegetali come quella a base di soia o di riso. Potete comunque migliorarlo magari con un cucchiaio di miele oppure delle spezie a scelta, come ad esempio la vaniglia.


Curiosità sull'amaranto

L'amaranto è definito erroneamente un cereale. In realtà si dovrebbe definire pseudo-cereale, appartenente alla famiglia delle Amarantacee, originario dell'America Centrale, dove le civilità precolombiane lo coltivavano da secoli.

Delle oltre sessanta specie disponibili di amaranto, solo tre sono buone da mangiare. In Italia e nel resto dell'Europa la sua scoperta è relativamente recente, grazie alla diffusione delle sue proprietà nutritive.


Come utilizzare il latte di amaranto in cucina

Potete usare questa bevanda come il classico latte, cioè per fare colazione la mattina. Per renderlo più nutriente, potete aggiungere frutta secca o fresca, così come dell'avena o altri cereali. Va bene anche come sostituto del latte per realizzare dolci o piatti salati come creme e vellutate varie.

Di Claudia Lemmi, © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami