Questo sito contribuisce alla audience di
 Home » Ricette » Alimenti » Il fico

Il fico

Frutto che segna la fine dell'estate, dal sapore dolce e intenso, adatto a climi molto secchi si mangia fresco o anche essiccato.

Il fico è una pianta molto antica, se ne trova tracia addirittura nell'antico Egitto ed è rimasta praticamente intatta sino ai giorni nostri.
Il mese principe per mangiarne i frutti maturi è Settembre, ma se ne trovano già anche in Agosto, quelli che vengono chiamati fioroni, che sono praticamente le 'primizie' di questo frutto molto dolce e saporito.

E' decisamente un frutto molto particolare, sia per il suo sapore, sia per la sua conformazione e anche per l'uso che se ne fa, ma vediamone le caratteristiche.


Il fico comune è una pianta xerofila, ovvero una pianta abituata a lunghi periodi di siccità (pensate poi al fico d'india), la sua conformazione è infatti predisposta a mancanza di acqua, il tronco è estremamente nodoso, quasi fosse un arbusto adatto quindi a sopravvivere a climi molto caldi. In Italia, la maggior presenza di queste piante è nel Sud, ma vive anche in climi meno estremi, importante è una buona esposizione al sole che permette di far maturare bene i frutti. Sappiate che comunque è possibile che resistono sino a 45°, in questi casi è come se il ciclo vitale si fermasse, facendo cadere tutte le foglie per evitare di disperdere d'acqua, mentre può anche resistere sino a -10°. Questa pianta molto forte produce dei frutti molto saporiti e particolari perché quello che noi crediamo essere il frutto in realtà non lo è ma è solo l'involucro (si chiama infruttescenza), i veri frutti sono quei semini che troviamo all'interno e racchiusi nella polpa che mangiamo.

Le varietà di fichi sono veramente tante, la suddivisione principale è dal colore esterno della buccia, dal colore verde di diverse gradazioni oppure da un colore viola scuro, all'interno il colore può variare dal rosa chiaro ad un rosa marrone molto scuro, ma non è da questo che viene influenzato o meno il livello zuccherino. Sono poi più tondi o più allungati e di dimensioni più o meno grandi. Ci sono poi alcune varietà classificate come unifere perché fanno i frutti solo una volta l'anno, mentre le bifere producono i fiori due volte l'anno (quelle che possono produrre i fioroni).I fichi freschi sono molto zuccherini e 1Kg di fichi ha circa 700 calorie, mentre se parliamo di fichi secchi il quantitativo si quadruplica, quindi attenzione se siete a dieta. Certamente mangiare un chilo di fichi è impegnativo, anche perché possono avere un effetto lassativo. Quindi se avete qualche problema potete usarli come rimedio naturale.

L'uso in cucina è forse limitato nel senso che il loro gusto deciso è adatto a essere consumato da solo o con qualcosa che 'neutralizzi' un po' il dolce. Tra i piatti principali il 'prosciutto e fichi' in alternativa al crudo con il melone molto classico ed estivo, oppure in abbinamento freschi ai formaggi dai gusti forti, ma in alcuni casi viene usata la composta di fichi e poi nella classica marmellata di fichi per una bella crostata oppure in alcuni altri dolci magari in sostituzione delle mele (la classica torta di mele usando i fichi è perfetta). Altrimenti i fichi secchi tipici durante le feste natalizie. Io però li ho anche mangiati, freschi, nel risotto e devo dire che non era male.

Di © Riproduzione Riservata
TAG  fico   fichi  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

UVA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami