Questo sito contribuisce alla audience di
 Home » Oroscopo » Astrologia Karmica » Astrologia Karmica: il segno dei gemelli - Parte 1 di 2

Astrologia Karmica: il segno dei gemelli

Il suo compito: scoprire se stesso negli occhi dell'altro, usare la comunicazione per unire.

Astrologia Karmica: il segno dei gemelli

Il Gemelli è il primo segno dell’elemento aria. In esso l’energia, che fino al segno del Toro era indistinta, si polarizza in maschile e femminile determinando la scoperta dell’opposto e della dualità.
Nella divisione per tipologie è classificato come segno mobile, perché si trova in un periodo di transizione tra una stagione e un’altra. E’ mobile pure il temperamento di chi nasce in questo periodo che ha bisogno di viaggiare, comunicare, intessere contatti.
Gemelli è il segno della socializzazione e si riferisce ai rapporti d’amicizia e parentela (fratelli, cugini, cognati, colleghi, amici).

E’ il terzo segno dello zodiaco ed è compreso tra quei segni definiti “giovani”,
perché nell’abbinamento con le età dell’uomo si trova nella fase dedicata all’apprendimento. Paragonando la crescita umana alle stagioni, Gemelli si colloca nel periodo intermedio tra la primavera (che si può abbinare all’infanzia) e l’estate (che riguarda la gioventù: 20/35 anni). E’ assimilato all’adolescenza ed è considerato il puer dello zodiaco , mentre il Sagittario (suo opposto) è il senex.

A questo segno appartiene la percezione intellettuale della realtà
: l’essere umano, superato il bisogno del contatto fisico del Toro, giunto in questa nuova dimensione utilizza la comprensione a livello mentale per far propria la realtà. La funzione logica del cervello entra in azione e tutto è oggetto di osservazione e catalogazione.
L’esperienza umana, per essere condivisa, ha bisogno di essere catalogata e identificata: è quello che facciamo nella vita pratica distinguendoci con un nome proprio e impartendo un nome agli oggetti per poterli identificare. Questa distinzione fa parte delle prerogative dei Gemelli.

Astrologia karmica gemelli

IL SUO MOTTO
Il motto del segno è : “Io penso e conosco”. Appartiene ai Gemelli la duttilità mentale, quella qualità che consente, a chi ne è dotato, di osservare e considerare eventi e nozioni da diversi punti di vista senza restare fermo nelle sue convinzioni. La conoscenza è acquisita attraverso la vastità dell’informazione e il confronto, nella consapevolezza che non esiste una verità assoluta ma vari spunti di riflessione.
La psiche del Gemelli è vivace, come quella degli adolescenti, sempre alla ricerca di qualcosa da conoscere e imparare . E’ anche ribelle la sua psiche e insofferente ai limiti e alle costrizioni. Non è una psiche matura, formata, inquadrata, Gemelli sta ancora sui banchi di scuola e il segno è collegato agli studi inferiori.


NASCERE NEL SEGNO DEI GEMELLI
Nei Gemelli l’Essere, arrivato a questo livello d’esperienza, è ancora acerbo e, come i ragazzi, sta facendo le sue prime importanti scoperte. Questa particolarità dona ai nati in Gemelli, una bella capacità di sorprendersi e incuriosirsi.
E’ il segno della comunicazione, intesa come modo d’interagire con gli altri al fine di avere un proficuo scambio di tipo verbale e intellettuale. Rappresenta anche il modo in cui comunichiamo, ma le emozioni e i sentimenti sono escluse da questo suo tipo d’interazione, perché non di pertinenza del segno e dell’elemento aria al quale appartiene.

Un Gemelli pensa in modo semplice e immediato ed è scorrevole il suo modo di parlare. Questa attitudine lo rende un buon oratore, una persona che sa esporre in modo comprensibile argomenti complessi. Lui riesce ad affrontare ogni tipo di conversazione in modo asettico, restando aperto ad ogni osservazione e a nuove proposte, consapevole che non esiste una verità assoluta ma vari spunti di riflessione.

Ai Gemelli appartiene l’emisfero sinistro del cervello, quello del pensiero logico, deduttivo.
Al pensiero e alla parola è collegato il suo pianeta protettore, Mercurio o Hermes: la divinità greca alla quale erano attribuite doti di scaltrezza e d’ingegno, doti queste che possiamo ritrovare in chi nasce nei Gemelli. Mercurio s’incarica di selezionare le informazioni per poterle dividere, catalogare e classificare. Ai Gemelli è affidato il compito di diffondere le notizie acquisite.

Il mito che rappresenta il segno dei Gemelli è importante per questo nostro studio perché ne traccia il percorso evolutivo. A questo segno appartiene il mito dei Dioscuri : due gemelli identici nel fisico ma diversi nel destino, perché uno era mortale e l’altro faceva parte degli dei dell’Olimpo.
Con questo mito, tra i suoi vari significati, troviamo il tema della DUALITA’ e della complementarietà degli opposti. Altrettanto è affermato dal simbolismo alchemico collegato a Mercurio il quale, unendo maschile e femminile, permette, nel lavoro dell’alchimista, di completare la trasformazione della sostanza. In questa materia Mercurio è chiamato il Grande Trasformatore ed è raffigurato come androgino ed è, quindi, quello che unisce gli opposti.
Questa complementarietà è la stessa che governa il nostro universo e la vita sulla terra: è la forza maschile e femminile. In Oriente è lo yin, energia negativa e lo yang, energia positiva, quei due principi che, uniti, compongono il Tao: il flusso vitale che ha dato origine a tutto.
La dualità, nelle persone nate nel segno, può rispecchiarsi anche nel loro carattere che, pur simpatico e interessante, può avere delle scissioni nel comportamento.

La casa che riguarda il segno è la terza ed è quella che si occupa di comunicazione e interazione. Gemelli e terza casa sono opposti al Sagittario e alla nona casa, che nello zodiaco rappresentano l’uso della mente a un livello superiore. E’ del Sagittario il pensiero filosofico e religioso, mentre Gemelli si occupa del quotidiano. Queste due funzioni dovrebbero incontrarsi, così che la dialettica gemellina sia messa a disposizione di una consapevolezza intellettuale superiore.

Di , © Riproduzione Riservata

PAGINA 1 DI 2
TAG  gemelli  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami