Questo sito contribuisce alla audience di
 Home » Mamma » Gravidanza » Sport in gravidanza: quale scegliere?

Sport in gravidanza: quale scegliere?

L'attività fisica è fondamentale durante i 9 mesi di gestazione. È bene praticarla regolarmente prendendo le dovute precauzioni

Sport in gravidanza: quale scegliere?

Fino a qualche anno fa si pensava che durante la gravidanza la donna si dovesse mettere in “stand by” e attendere praticamente inerte il momento del parto. Essere incinta in realtà è uno stato normale e fisiologico per la vita femminile e non significa rimanerlo in stato di immobilità. Anzi, negli ultimi anni sono proprio i medici a consigliare di mantenersi attive praticando sport in gravidanza, ovviamente prendendo in esame caso per caso e valutando lo stato di salute di mamma e bambino.

Perché praticare attività fisica?
Quando si è in attesa di un bambino il corpo subisce una lunga serie di trasformazioni che incidono sulla postura, il modo di camminare e di muoversi. Questi cambiamenti vanno a stressare i muscoli e provocano delle tensioni, soprattutto alla schiena e alle gambe dato che devono sopportare un peso maggiore sia per l'aumento ponderale generale che per la crescita del pancione.
Lo sport in gravidanza quindi è un vero toccasana per tonificare la muscolatura della schiena per prevenire lombalgie, pubalgia e sciatica e poi anche per migliorare la circolazione e prevenire il gonfiore alle gambe e la formazione di vene varicose.


Quali attività evitare?
In gravidanza si devono sicuramente prendere in considerazione gli sport che non siano potenzialmente pericolosi: da evitare dunque quelli che prevedono salti e corse intense dato che potrebbero provocare contrazioni uterine, quindi no ad atletica leggera e jogging. Da escludere assolutamente poi le attività di “impatto” come arti marziali, sci e sport di gruppo come pallavolo, pallacanestro, tennis.


Quali scegliere quindi?
In gravidanza vanno benissimo gli sport praticati in acqua, ottima l'acquagym in cui vengono proposti esercizi a basso impatto accompagnati da un benefico massaggio idrico che facilita il ritorno venoso e alleggerisce il peso sulle articolazioni. Ottimo poi lo yoga incentrato su tecniche di respirazione che favoriscono il rilassamento per la preparazione al parto e posizioni che massaggiano la schiena, migliorano l'elasticità e “coccolano” anche il bambino. Poi sì anche a camminate leggere , esercizi mirati a corpo libero concordati con un istruttore e cyclette se non ci sono problematiche che possono dare fastidio.
È importante poi non dimenticarsi degli esercizi di Kegel , fondamentali per allenare il pavimento pelvico in vista del momento del parto.

In tutti i casi è sempre bene seguire le indicazioni del proprio ginecologo che saprà consigliare l'attività giusta a seconda dello stato generale di salute.


Consigli
Qualunque sia lo sport che si pratica in gravidanza ci sono alcune linee guida che vanno seguite sempre.

  • Costanza: andare in piscina un'ora alla settimana o fare una camminata ogni tanto non vuole dire praticare un'attività fisica. Affinché ci siano benefici per il fisico e per il bambino lo sport deve essere costante durante tutta la gravidanza, o almeno fino a quando le condizioni lo permettono.
  • Alimentazione: è sbagliato sia praticare sport a stomaco pieno che a stomaco vuoto. Solitamente le gestanti frequentano corsi mattutini quindi è necessaria una colazione energetica ma leggera preparata ad esempio con fette biscottate con marmellata o miele e un frutto di stagione. Meglio evitare il latte, soprattutto se si va in piscina, perché potrebbe risultare pesante da digerire. Se il corso invece è pomeridiano sì ad un pranzo a base di pasta e verdura per avere l'energia necessaria senza appesantire lo stomaco. In tutti i casi sempre meglio far trascorrere almeno un'ora prima di iniziare l'allenamento.
  • Idratazione: come per tutti, anche chi pratica sport in gravidanza deve prestare la massima attenzione al giusto apporto di liquidi durante l'attività. È consigliato quindi portare sempre con sé una bottiglietta d'acqua da sorseggiare a piccole dosi anche durante l'allenamento.

Di Elisa Gamberi, © Riproduzione Riservata
TAG  fitness  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami