Questo sito contribuisce alla audience di
 Home » Mamma » Età scolare » Bambini e Tv: scuole chiuse, bambini davanti al televisore

Bambini e Tv: scuole chiuse, bambini davanti al televisore

I bambini vengono influenzati più di quanto si pensi dalle notizie e dalle emozioni che vengono trasmesse in televisione. La mancata attenzione da parte dei genitori può provocare un effetto traumatico sui bambini.

Bambini e Tv: scuole chiuse, bambini davanti al televisore

Bambini e TvChiudono le scuole e i bambini trascorrono molto del  loro tempo libero davanti al televisore.

Quando si sente parlare di bambini e TV si associa l’idea delle ripercussioni psicologiche su di loro.  La televisione influenza i minori che assimilano facilmente ciò che vedono perché sono soggetti sensibili. Più passano tempo davanti al piccolo schermo e più la loro psiche ne è influenzata, perché non sono capaci a metabolizzare le immagini che vedono ma le assorbono senza decodificarle.

Le immagini violente possono quindi far nascere dei comportamenti violenti. Ovviamente la tv non è l’unica causa di aggressività nei bambini ma la visione di numerose scene di violenza può dare l’impressione che questa violenza sia lecita.

A questa parte psicologica si aggiungono i rischi ben noti legati alla salute: obesità, deficit visivo, autismo.  Recentemente sono stati anche condotti degli studi sul rischio di pubertà precoce: la televisione frenerebbe la produzione di melatonina, che regola i ritmi biologici, con influenze quindi sul sistema immunitario e l'inizio della pubertà.

I genitori dovrebbero attuare alcune regole: non mettere un televisore nella camera del bambino, limitare il tempo trascorso a guardarla, non lasciare il bambino da solo come se la televisione fosse una baby-sitter, commentare alcune scene che lo richiedono, spiegare la differenza tra finzione e realtà.

L’ideale sarebbe spegnere questa scatola di immagini parlanti e incoraggiare i bambini a trovare delle alternative, a giocare, a stimolare la propria fantasia, a tornare nell’era dei giochi all’aperto.
Le belle giornate sono arrivate. Perché non approfittarne?

© Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami